3 Kings, recensione ed unboxing tra troni e inganni

5

3 Kings è il primo gioco della casa editrice GateOnGames. Un gioco da tavolo tutto italiano visto che gli autori sono Thomas Mazzantini e Samuele Sai e l’editore è perso nelle belle campagne toscane. 3 Kings è un gioco da tavolo per 3-8 persone della durata che si aggira tra i 45 ed i 90 minuti a seconda del numero di giocatori al tavolo. Lo scenario è piuttosto classico. C’è un trono vacante che va occupato. A disputarselo sono i membri di tre fazioni pubbliche: Gufo, Viverna e Serpente. A queste tre fazione, chiamiamole pubbliche, se ne aggiunge una quarta, La Loggia, su cui ci sono solo dicerie e leggende metropolitane.

Va da sé che arrivare a posare le proprie terga sul trono è operazione tutt’altro che semplice e soprattutto niente affatto indolore. 3 Kings si dipana lungo quattro turni di gioco. La prima cosa da mettere in evidenza è che le tre fazioni pubbliche avranno un obiettivo simile, mentre la Loggia si comporterà seguendo strategie e tattiche tutte sue. I ruoli al tavolo sono tutti assolutamente nascosti.

Ogni turno di gioco si svolge seguendo sei fasi: reclutamento, pianificazione segreta, azione personaggi, consiglieri a corte, intrigo del trono e assegnazione punti vittoria. Il reclutamento serve a preparare la mano di gioco. Ogni giocatore pesca tante carte personaggio fino ad averne sei in mano.

Le carte personaggio sono di due tipi. Da una parte ci sono i veri e propri personaggi del reame: nobili, sacerdoti, spie, mercenari, mercanti e guardie reali. Ognuno di questi personaggi è caratterizzato da un livello di potere, da 1 a 3, e da un’abilità speciale. Dall’altra parte ci sono le carte epurazione e corruzione che hanno a che fare principalmente con La Loggia.

Una volta presa visione della propria mano ogni giocatore può pianificare da 1 a 3 azioni segrete ponendo le relative carte personaggio davanti a sé. Terminata questa fase, e proseguendo in ordine di gioco, tutti i giocatori eseguiranno la prima azione, se pianificata, poi la seconda e così via. Le azioni servono a pescare altre carte, mandare carte degli avversari nell’infermeria, pescare carte azioni, rubare carte agli avversari, mettere personaggi su uno dei tre troni disponibili e così via.

Alcuni dei personaggi di 3 Kings

Alcuni dei personaggi di 3 Kings

Le carte azione si attivano immediatamente e possono essere utilizzate o meno a scelta di chi le ha ottenute. Vanno poi scartate di fianco alla scheda fazione. La quarta fase è l’invio dei consiglieri a corte. I consiglieri sono una difesa ulteriore per uno dei tre troni e danno la possibilità di utilizzare una volta ancora l’azione del personaggio seduto su quel particolare trono.

L’intrigo del trono è una parte cruciale di 3 Kings. A turno i giocatori posizionano le carte personaggio, a faccia in giù, dietro uno dei tre troni da aggiudicare. Quando tutti avranno posizionato le proprie carte oppure avranno deciso di passare allora si procederà al conteggio. In questa fase entrano in campo i valori delle carte personaggio, da 1 a 3 come detto, e si vanno a sommare le fazioni favorevoli al trono con quelle contrarie. Se la somma dei contrari è pari o superiore il trono cambia proprietario ed il precedente occupante fa una brutta fine. Se dietro al trono, però, ci sono più carte corruzione di quelle di epurazione allora il trono è stato corrotto. Se il trono è corrotto o se i tre troni sono in mano a fazioni diverse allora La Loggia fa punti, altrimenti a fare i punti sono le fazioni che si sono sedute su questi troni provvisori.

Un passaggio che aggiunge ulteriore profondità a 3 Kings è quello della conta dei caduti. Quando il mazzo delle carte personaggio è esaurito, prima di rimescolare tutti gli scarti, si prendono i personaggi finiti nell’infermeria e si verificano le fazioni a cui appartengono. Una vera e propria conta dei caduti che assegna punti vittoria in base al tipo di morti. Ad esempio ogni mercante morto dà punti alla fazione del serpente e ne toglie alla viverna. Alla fine dei quattro turni la fazione che ha più punti è la vincitrice a meno che La Loggia non arriva a 15 punti. In quel caso è indifferente chi arriva primo, vince comunque La Loggia.

Setup di una partita a quattro giocatori

Setup di una partita a quattro giocatori

3 Kings è stata una delle sorprese più piacevoli di questo 2015 ed in particolare delle fiere autunnali. Il gioco è semplice da spiegare e profondo da padroneggiare. Inizialmente si può essere un po’ spaesati perché non si ha idea di come fare punti e non si individuano chiaramente amici e nemici, ma basta un giro o al massimo una partita per avere tutto chiaro. Bisogna avere una strategia di fondo sulla quale improvvisare una tattica resa necessaria dalle tante variabili da gestire. In fondo i complotti di corte sono sempre una materia caotica. Adattarsi e raggiungere lo scopo diceva un tizio attempato. L’idea di poter fare punti con i troni o con gli omicidi è buona, così come la differenziazione tra La Loggia e le altre fazioni.

Le meccaniche in sé sono molto semplici, il gioco gira bene in 3-4 giocatori e diventa frenetico quando si superano i sei. La componentistica è buona, soprattutto per la qualità delle carte. Io le ho imbustate per sicurezza ma forse se ne può fare a meno. La longevità è ottima. Non lo scambiate per un filler, non ne ha né la durata né l’impostazione. 3 Kings per il rapporto qualità prezzo dovrebbe andare direttamente dagli scaffali al vostro albero di Natale. Ottimo esordio, aspettiamo il prossimo.

Se volete conoscere meglio autori ed editore vi consiglio di leggere l’intervista che ho fatto qualche mese fa. Se cercate un gioco differente date un’occhiata a Dojo Kun. Sulla pagina Facebook di Giochi e Giocatori trovate una photogallery dedicata a 3 Kings. Buona Visione e Buon Gioco.

Segui Giochi & Giocatori su Facebook su Twitter e su Instagram

Share.

About Author

5 commenti

  1. Ciao,
    bella recensione. Volevo chiederti: in un versus Sheriff of Nottingham chi vincerebbe? Sono sicuramente due giochi con meccaniche diverse ma se dovessi sceglierne uno dei due?

    grazie
    andrea

    • fabiopagano on

      Ciao Andrea, scusami il ritardo nella risposta. Sheriff non ho avuto l’opportunità di giocarlo. Ho visto solo dei video e letto il regolamento quindi il mio è un giudizio incompleto. Per quelli che sono i miei gusti personali direi sicuramente 3 Kings

  2. Pingback: Moo Stick, recensione ed unboxing - Giochi e Giocatori

  3. Pingback: I giochi da tavolo più venduti di Natale 2015 - Giochi e Giocatori

  4. Pingback: GateOnGames per Play 2016: Cacciatori di taglie e Nerd

Leave A Reply