Imhotep da Game Night alla conquista dello Spiel des Jahres

3

Game Night, come da abitudine, sta realizzando una serie di puntate speciali dedicate ai giochi da tavolo che sono stati nominati per le varie categorie dello Spiel des Jahres. Ho volutamente saltato i giochi inseriti nella categoria dei giochi per bambini. Tra quelli di fascia media voglio trattare Imhotep che forse è meno conosciuto degli altri, almeno qui in Italia. Il gioco, come si può facilmente intuire dal nome, è ambientato nell’antico Egitto. I giocatori dovranno partecipare alla costruzione di alcuni monumenti barcamenandosi tra cave di pietra e navi destinate al trasporto dei materiali da costruzione. Le meccaniche di gioco sono molto semplici. Una partita ad Imhotep dura sei round e ad ogni round i giocatori possono scegliere una delle quattro azioni possibili:

1 – Prendere materiali dalla cava
2 – Caricare materiali su una nave
3 – Guidare la nave in uno dei porti disponibili
4 – Giocare una carta azione

La prima azione è abbastanza semplice. Si prendono da 1 a 3 materiali dalla cava e si portano nel proprio deposito che può contenerne al massimo cinque. L’azione di carico è ugualmente immediata. Il giocatore prende uno dei suoi materiali e lo carica su una delle navi, di varia grandezza, che hanno ancora spazi disponibili. La scelta dello spazio non è banale perchè influenza il gioco al momento dello sbarco nei porti. Nel gioco, e qui si arriva alla terza azione, ci sono diverse navi a disposizione. Differiscono per il numero di spazi a disposizione e per il numero minimo di spazi necessari prima di poter salpare. Guidare una di queste navi in uno dei porti disponibili attiva il “potere” del porto che poi altro non è se non uno dei luoghi dove verranno eretti i monumenti. A seconda del porto si attivano poteri differenti che possono portare carte azione, punti, vantaggi ed altro. La quarta azione si basa sulle carte in possesso del giocatore che in buona sostanza vanno ad influenzare gli altri aspetti del gioco dando dei vantaggi a chi le gioca.

Imhotep è un gioco per tutti. Non prevede grosse complicazioni a livello di regole, ha una componentistica curata ma non eccessiva e una durata assolutamente contenuta ed in linea con quelli che sono gli obiettivi del gioco. Una partita dura circa 40 minuti a prescindere dal numero di giocatori, 2-4, previsto. E’ un buon candidato per lo Spiel des Jahres 2016. Non sarà facile superarlo. Vi lascio al video dell’episodio di Game Night dedicato ad Imhotep. Buona Visione e Buon Gioco.

Segui Giochi & Giocatori su Facebook su Twitter e su Instagram

 

 

Share.

About Author